Monastero di Cairate
Fagnano Olona, santuario Madonna della Selva
<h1>Comune di Gorla Minore</h1> <h2></h2> <p style="text-align: center;"><strong><img src="../../upload/comune_gorlaminore.jpg" alt="Comune di Gorla Minore" title="Comune di Gorla Minore" /><br />&nbsp; &nbsp;</strong></p> <p><strong>Gorla Minore</strong> sorge su terrazzamenti degradanti verso l'Olona e il suolo, di origine alluvionale, presenta, sui ripidi fianchi della valle, tracce di conglomerati della prima glaciazione. L&rsquo;etimologia del nome, che condivide con il vicino comune di Gorla Maggiore, ha due derivazioni pi&ugrave; accreditate: la prima dal termine latino gulula, diminutivo di gula (anfratto), la seconda da gurgula, sempre diminutivo dal latino gurgus (gorgo). Un'ipotesi ancor pi&ugrave; recente, invece, propone il significato di "radura" o "campo dell'esercito". Il primo documento al quale ci si pu&ograve; riferire per uno studio etimologico risale al 1046 nel quale viene riportato il nome latino di Gorla Maior che &egrave; seguito da un altro detto "Minor". Ancora da risolvere &egrave; il significato dell'aggettivo Maior, dato che in molti altri casi viene usata la terminologia Superiore-Inferiore o Nuovo-Vecchio.</p> <p>&nbsp; &nbsp;</p> <p>La presenza romana a <strong>Gorla Minore</strong> &egrave; testimoniata dal ritrovamento di numerose tombe in localit&agrave; Costa sulla destra della &ldquo;str&agrave; sant&egrave;&rdquo; come un tempo veniva chiamata l'attuale via Rotondi, nonch&eacute; di un'ara votiva, risalente al primo secolo avanti Cristo, venuta alla luce in una vigna a nord dell'abitato, poco lontano dalla chiesa parrocchiale. Dopo essere stata per lungo tempo abbandonata in campagna, il cippo &egrave; stato portato nel giardino del curato da dove nel 1926 &egrave; stato trasportato nel museo di Legnano. La pietra di sarizzo riporta un'iscrizione in cui si legge di una certa Rivasia che offre l'altare a Diana per lo scampato pericolo del padre. Nel 1905 a Prospiano &egrave; stato ritrovato un pavimento di grandi mattoni a circa un metro e mezzo di profondit&agrave;, che appartiene a una casa romana e misura 4 per 6 metri.</p> <p>&nbsp; &nbsp;</p> <p>Nel 1951, dopo i lavori di costruzione di alcune villette a cavallo di via Nazario Saurio, si scoprono 25 tombe di cremati deposti, secondo consuetudine, al limitare tra la terra di coltura e il sottostante terreno alluvionale. Purtroppo le sepolture non sono intatte avendo subito, gi&agrave; in passato, manomissioni.</p> <p>&nbsp; &nbsp;</p> <p>Nel 1963, in occasione della posa delle tubature del metanodotto, due gorlesi appassionati di archeologia e armati di buona volont&agrave; portano alla luce altre 24 tombe, raccogliendo corredi funerari e vasellame non pregiati (anfore, balsamari, ciotoline, vasetti, anelli, chiodi, coltelli, cesoie per tosatura, raschiatoi, lucernette fusarole, monete, ossa e carboni frammisti).<br />&nbsp; &nbsp;<br />Nel territorio del comune sorgono due chiese e un santuario:</p> <p><strong><img src="../../upload/comune/gorlamin1.jpg" alt="chiesa di San Nazario e Celso, Gorla Minore" title="chiesa di San Nazario e Celso, Gorla Minore" style="float: left; margin: 5px;" />La chiesa di San Nazario e Celso</strong>, nella frazione di Prospiano, antecedente al 1500, ma ricostruita a partire dal 1961. All'interno sono custodite diverse opere provenienti dal Santuario della Madonna dell'Albero: all'ingresso si trova un affresco strappato di una Crocefissione, risalente a fine XV inizio XVI secolo, e una Madonna in trono con bambino e santi.</p> <p></p> <p><img src="../../upload/comune/gorlamin2.jpg" alt="chiesa su progetto dell&rsquo;architetto Enrico Castiglioni, Gorla Minore" title="chiesa su progetto dell&rsquo;architetto Enrico Castiglioni, Gorla Minore" style="float: left; margin: 5px;" />Nel 1961, poich&egrave; la chiesa non era pi&ugrave; in grado di contenere l&rsquo;accresciuta popolazione di Prospiano, furono iniziati i lavori per la costruzione di un nuovo edificio, su progetto dell&rsquo;architetto Enrico Castiglioni. Consacrata nel 1964 con la stessa intitolazione, la chiesa venne considerata da molti uno dei migliori esempi di architettura contemporanea.</p> <p></p> <p><strong><img src="../../upload/comune/gorlamin3.jpg" alt="chiesa di San Lorenzo, Gorla Minore" title="chiesa di San Lorenzo, Gorla Minore" style="float: left; margin: 5px;" />La chiesa di San Lorenzo</strong>, edificata sull'antica cappella dedicata ai Santi martiri diaconi Lorenzo e Vincenzo e ampliata nel XVI secolo, conserva opere di notevole intesse. Affascinante anche la sua<br />origine: secondo una suggestiva ipotesi, l'edificio sarebbe sorto sul luogo gi&agrave; consacrato al culto pagano della dea Diana. La supposizione si basa sia sulla considerazione generale che i templi pagani venivano trasformati in chiese cristiane, sia sul fatto che contrariamente a quanto avviene nei paesi vicini, la chiesa non si affaccia sul ciglione lungo la Valle Olona, ma in posizione notevolmente arretrata, fuori dall'abitato nei pressi della necropoli romana.</p> <p></p> <p><strong><img src="../../upload/comune/gorlamin4.jpg" alt="Santuario della Madonna dell'Albero a Prospiano, Gorla Minore" title="Santuario della Madonna dell'Albero a Prospiano, Gorla Minore" style="float: left; margin: 5px;" />Il Santuario della Madonna dell'Albero a Prospiano</strong>, anticamente indicato come &ldquo;chiesa campestre di Santa Maria in Arbore&rdquo; contiene un ciclo di affreschi attribuiti al frate umiliato Giacomo Lampugnani e risale agli ultimi anni del &lsquo;400. La sua storia &egrave; legata all'apparizione della Madonna tra gli alberi avvenuta nel 1507. L'edificio, originariamente a pianta quadrata, ha subito diverse modifiche nei secoli.</p> <p>&nbsp;&nbsp;</p> <p><img src="../../upload/comune/gorlamin5.jpg" alt="collegio Rotondi, Gorla Minore" title="collegio Rotondi, Gorla Minore" style="float: left; margin: 5px;" />E&rsquo; presente, inoltre, il <strong>collegio Rotondi</strong>, con l&rsquo;attiguo Oratorio di San Maurizio; &egrave; questo il collegio pi&ugrave; prestigioso della Diocesi di Milano per et&agrave;, storia e tradizione e vanta infatti oltre tre secoli e mezzo di vita. La sua nascita risale all&rsquo;atto testamentario di Giovanni Andrea Terzaghi che, nel 1599, lasciava alla Congregazione degli Oblati del Santo Sepolcro, l'Oratorio di San Maurizio (con l'obbligo di farvi risiedere un confratello per la celebrazione quotidiana di una messa), e la sua residenza (con l'obbligo di istruire i giovani).</p> <p>&nbsp; &nbsp;</p> <p><img src="../../upload/comune/gorlamin6.jpg" alt="Palazzo Comunale, la settecentesca Villa Durini, Gorla Minore" title="Palazzo Comunale, la settecentesca Villa Durini, Gorla Minore" style="float: left; margin: 5px;" />Inoltre attuale sede del <strong>Palazzo Comunale</strong>, &egrave; la settecentesca Villa Durini che si trova nel cuore dell'abitato. Il patrimonio artistico del Comune si &egrave; recentemente arricchito di una vasta collezione di opere d'arte (31 dipinti e 2 sculture) di notevole valore storico che spazia dal `500 al secolo scorso ed &egrave; rappresentativa di una rassegna di personaggi appartenenti alla famiglia dei Conti Durini. La collezione costituisce una donazione che la Contessa Carlangela Durini Ajmone Cat, ultima discendente diretta della famiglia, ha voluto offrire al Comune di Gorla Minore nel 2004. Le opere, attualmente in fase di restauro, costituiranno un importante nucleo di una Pinacoteca Civica che l'Amministrazione Comunale ha intenzione di realizzare nelle sale della Villa Durini sede del Municipio, e che sar&agrave; dedicata alla Contessa Carlangela Durini.</p> <p>&nbsp; &nbsp;<br />A <strong>Gorla Minore</strong> &egrave; presente anche un Centro Musicale Cittadino che si fonda sull&rsquo;attivit&agrave; del Corpo Musicale e della Scuola Allievi ed &egrave; rinato, per volont&agrave; dell&rsquo;Amministrazione cittadina, nel 1984. L&rsquo;organico attuale &egrave; composto da circa 40 elementi. Il Corpo Musicale arricchisce con sfilate e concerti manifestazioni in Gorla Minore e paesi limitrofi, organizza raduni e gemellaggi con altri corpi bandistici e partecipa a eventi musicali in altre regioni d&rsquo;Italia e all&rsquo;estero. Fra le esperienze artistiche del Corpo Musicale ricordiamo la partecipazione ai Concorsi per Bande di Ispra e di Bertiolo e, con ottimi risultati, al Trofeo Memorial Mazzucchelli di Busto Arsizio per solisti e piccole formazioni; la collaborazione con i Frustatori di Ferno alla manifestazione per gruppi folcloristici all&rsquo;aeroporto di Malpensa, la sfilata di carnevale a Bibione, la partecipazione ai Festival Internazionali per Bande di Budapest e di Wolfsberg, in Austria. Accanto all&rsquo;attivit&agrave; del Corpo Musicale c&rsquo;&egrave; quella della Scuola Allievi con corsi per strumenti bandistici e non (come pianoforte, chitarra elettrica, tastiera, basso elettrico). L&rsquo;insegnamento della musica comprende inoltre attivit&agrave; presso le scuole elementari di Gorla Minore e l&rsquo;associazione per ragazzi portatori di handicap Gruppo Amicizia di Gorla Minore. L&rsquo;organizzazione delle attivit&agrave; del Centro Musicale Cittadino &ldquo;Carlo Ronzoni&rdquo; &egrave; affidata ad un Consiglio Direttivo formato da nove componenti, alcuni dei quali musicanti.</p> <p>&nbsp; &nbsp;</p> <p>Nel 2010, grazie agli investimenti delle amministrazioni di Gorla Minore e Maggiore e dell'operatore privato Swim Planet, &egrave; stata completata la ristrutturazione della piscina comunale, che &egrave; diventata un centro multifunzionale, orientato sia allo sport che al relax e benessere. Il centro presenta al piano inferiore una piscina termale, una sauna e un'area relax, mentre al piano superiore una piscina da 25 metri.</p>
Cerca nel sito:
Distretto Medio Olona
Home Page
Seguici su:
Comune di Gorla Minore

Comune di Gorla Minore


Via Roma, 56 - 21055 (Va)
Tel: 0331/607.200 - Fax: 0331/607.255 - P. Iva:

Sito web: www.comune.gorlaminore.va.it
Pec:
Email: segreteria@comune.gorlaminore.va.it

Comune di Gorla Minore
   

Gorla Minore sorge su terrazzamenti degradanti verso l'Olona e il suolo, di origine alluvionale, presenta, sui ripidi fianchi della valle, tracce di conglomerati della prima glaciazione. L’etimologia del nome, che condivide con il vicino comune di Gorla Maggiore, ha due derivazioni più accreditate: la prima dal termine latino gulula, diminutivo di gula (anfratto), la seconda da gurgula, sempre diminutivo dal latino gurgus (gorgo). Un'ipotesi ancor più recente, invece, propone il significato di "radura" o "campo dell'esercito". Il primo documento al quale ci si può riferire per uno studio etimologico risale al 1046 nel quale viene riportato il nome latino di Gorla Maior che è seguito da un altro detto "Minor". Ancora da risolvere è il significato dell'aggettivo Maior, dato che in molti altri casi viene usata la terminologia Superiore-Inferiore o Nuovo-Vecchio.

   

La presenza romana a Gorla Minore è testimoniata dal ritrovamento di numerose tombe in località Costa sulla destra della “strà santè” come un tempo veniva chiamata l'attuale via Rotondi, nonché di un'ara votiva, risalente al primo secolo avanti Cristo, venuta alla luce in una vigna a nord dell'abitato, poco lontano dalla chiesa parrocchiale. Dopo essere stata per lungo tempo abbandonata in campagna, il cippo è stato portato nel giardino del curato da dove nel 1926 è stato trasportato nel museo di Legnano. La pietra di sarizzo riporta un'iscrizione in cui si legge di una certa Rivasia che offre l'altare a Diana per lo scampato pericolo del padre. Nel 1905 a Prospiano è stato ritrovato un pavimento di grandi mattoni a circa un metro e mezzo di profondità, che appartiene a una casa romana e misura 4 per 6 metri.

   

Nel 1951, dopo i lavori di costruzione di alcune villette a cavallo di via Nazario Saurio, si scoprono 25 tombe di cremati deposti, secondo consuetudine, al limitare tra la terra di coltura e il sottostante terreno alluvionale. Purtroppo le sepolture non sono intatte avendo subito, già in passato, manomissioni.

   

Nel 1963, in occasione della posa delle tubature del metanodotto, due gorlesi appassionati di archeologia e armati di buona volontà portano alla luce altre 24 tombe, raccogliendo corredi funerari e vasellame non pregiati (anfore, balsamari, ciotoline, vasetti, anelli, chiodi, coltelli, cesoie per tosatura, raschiatoi, lucernette fusarole, monete, ossa e carboni frammisti).
   
Nel territorio del comune sorgono due chiese e un santuario:

chiesa di San Nazario e Celso, Gorla MinoreLa chiesa di San Nazario e Celso, nella frazione di Prospiano, antecedente al 1500, ma ricostruita a partire dal 1961. All'interno sono custodite diverse opere provenienti dal Santuario della Madonna dell'Albero: all'ingresso si trova un affresco strappato di una Crocefissione, risalente a fine XV inizio XVI secolo, e una Madonna in trono con bambino e santi.

chiesa su progetto dell’architetto Enrico Castiglioni, Gorla MinoreNel 1961, poichè la chiesa non era più in grado di contenere l’accresciuta popolazione di Prospiano, furono iniziati i lavori per la costruzione di un nuovo edificio, su progetto dell’architetto Enrico Castiglioni. Consacrata nel 1964 con la stessa intitolazione, la chiesa venne considerata da molti uno dei migliori esempi di architettura contemporanea.

chiesa di San Lorenzo, Gorla MinoreLa chiesa di San Lorenzo, edificata sull'antica cappella dedicata ai Santi martiri diaconi Lorenzo e Vincenzo e ampliata nel XVI secolo, conserva opere di notevole intesse. Affascinante anche la sua
origine: secondo una suggestiva ipotesi, l'edificio sarebbe sorto sul luogo già consacrato al culto pagano della dea Diana. La supposizione si basa sia sulla considerazione generale che i templi pagani venivano trasformati in chiese cristiane, sia sul fatto che contrariamente a quanto avviene nei paesi vicini, la chiesa non si affaccia sul ciglione lungo la Valle Olona, ma in posizione notevolmente arretrata, fuori dall'abitato nei pressi della necropoli romana.

Santuario della Madonna dell'Albero a Prospiano, Gorla MinoreIl Santuario della Madonna dell'Albero a Prospiano, anticamente indicato come “chiesa campestre di Santa Maria in Arbore” contiene un ciclo di affreschi attribuiti al frate umiliato Giacomo Lampugnani e risale agli ultimi anni del ‘400. La sua storia è legata all'apparizione della Madonna tra gli alberi avvenuta nel 1507. L'edificio, originariamente a pianta quadrata, ha subito diverse modifiche nei secoli.

  

collegio Rotondi, Gorla MinoreE’ presente, inoltre, il collegio Rotondi, con l’attiguo Oratorio di San Maurizio; è questo il collegio più prestigioso della Diocesi di Milano per età, storia e tradizione e vanta infatti oltre tre secoli e mezzo di vita. La sua nascita risale all’atto testamentario di Giovanni Andrea Terzaghi che, nel 1599, lasciava alla Congregazione degli Oblati del Santo Sepolcro, l'Oratorio di San Maurizio (con l'obbligo di farvi risiedere un confratello per la celebrazione quotidiana di una messa), e la sua residenza (con l'obbligo di istruire i giovani).

   

Palazzo Comunale, la settecentesca Villa Durini, Gorla MinoreInoltre attuale sede del Palazzo Comunale, è la settecentesca Villa Durini che si trova nel cuore dell'abitato. Il patrimonio artistico del Comune si è recentemente arricchito di una vasta collezione di opere d'arte (31 dipinti e 2 sculture) di notevole valore storico che spazia dal `500 al secolo scorso ed è rappresentativa di una rassegna di personaggi appartenenti alla famiglia dei Conti Durini. La collezione costituisce una donazione che la Contessa Carlangela Durini Ajmone Cat, ultima discendente diretta della famiglia, ha voluto offrire al Comune di Gorla Minore nel 2004. Le opere, attualmente in fase di restauro, costituiranno un importante nucleo di una Pinacoteca Civica che l'Amministrazione Comunale ha intenzione di realizzare nelle sale della Villa Durini sede del Municipio, e che sarà dedicata alla Contessa Carlangela Durini.

   
A Gorla Minore è presente anche un Centro Musicale Cittadino che si fonda sull’attività del Corpo Musicale e della Scuola Allievi ed è rinato, per volontà dell’Amministrazione cittadina, nel 1984. L’organico attuale è composto da circa 40 elementi. Il Corpo Musicale arricchisce con sfilate e concerti manifestazioni in Gorla Minore e paesi limitrofi, organizza raduni e gemellaggi con altri corpi bandistici e partecipa a eventi musicali in altre regioni d’Italia e all’estero. Fra le esperienze artistiche del Corpo Musicale ricordiamo la partecipazione ai Concorsi per Bande di Ispra e di Bertiolo e, con ottimi risultati, al Trofeo Memorial Mazzucchelli di Busto Arsizio per solisti e piccole formazioni; la collaborazione con i Frustatori di Ferno alla manifestazione per gruppi folcloristici all’aeroporto di Malpensa, la sfilata di carnevale a Bibione, la partecipazione ai Festival Internazionali per Bande di Budapest e di Wolfsberg, in Austria. Accanto all’attività del Corpo Musicale c’è quella della Scuola Allievi con corsi per strumenti bandistici e non (come pianoforte, chitarra elettrica, tastiera, basso elettrico). L’insegnamento della musica comprende inoltre attività presso le scuole elementari di Gorla Minore e l’associazione per ragazzi portatori di handicap Gruppo Amicizia di Gorla Minore. L’organizzazione delle attività del Centro Musicale Cittadino “Carlo Ronzoni” è affidata ad un Consiglio Direttivo formato da nove componenti, alcuni dei quali musicanti.

   

Nel 2010, grazie agli investimenti delle amministrazioni di Gorla Minore e Maggiore e dell'operatore privato Swim Planet, è stata completata la ristrutturazione della piscina comunale, che è diventata un centro multifunzionale, orientato sia allo sport che al relax e benessere. Il centro presenta al piano inferiore una piscina termale, una sauna e un'area relax, mentre al piano superiore una piscina da 25 metri.


 
Villa Durini Chiesa di San Nazario e Celso Chiesa di San Lorenzo Santuario della Madonna dell'Albero a Prospiano



Iscriviti alla newsletter

Per ricevere la newsletter del Distretto del Commercio Medio Olona con le ultime news,gli eventi in programma e tante altre curiositÓ.

Aderisci al distretto

Qualunque realtÓ pubblica o privata, commerciale o no, che risieda nel perimetro del distretto pu˛ entrare a far parte del progetto.

Galleria fotografica

Scopri le fotografie pi¨ belle dei comuni del DISTRETTO del COMMERCIO MEDIO OLONA

Calendario News ed Eventi

<<
APRILE 2017
>>
LUNMARMERGIOVENSABDOM
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Farmacie di Turno

RSS

Comune di Cairate Comune di Castellanza Comune di Fagnano Olona Comune di Gorla Maggiore Comune di Gorla Minore Comune di Marnate Comune di Olgiate Olona Comune di Solbiate Olona I Comuni Partners de il DISTRETTO del COMMERCIO MEDIO OLONA

Le Associazioni Partners del
DISTRETTO del COMMERCIO MEDIO OLONA

UNIASCOM CONFCOMMERCIO Provincia di Varese Associazione commercianti Busto Arsizio Camera di Commercio Industria Artigianato di Varese

Distretto del Commercio Medio Olona - E-mail info@distrettomedioolona.com - © Copyright 2013 All Rights Reserved

AREA RISERVATA


Sito internet creato da
Mavilab creazione siti internet